Mercoledì

Con la luce del mattino, tutto ha un altro sapore.

Mio padre me l’ha sempre detto, anche se in circostanze molte più brutte e dure di queste.

Chissà perché la notte mi spaventa sempre di più rispetto al giorno. Eppure la routine ormai è sempre quella dal 19 agosto.

Comunque…ridendo, scherzando e dormendo il giusto (si fa per dire) siamo pronti per affrontare questa ennesima giornata.

Colazione, preparativi vari, sveglia piccoli e poi tutti a scuola.

Buon Mercoledì ❤️

Il Primo Giorno

E oggi riaprono le scuole.

Dopo tre mesi di relax, giochi, assenza di orari, uscite continue si ritorna alla vita di sempre.

Sarà dura tirarli giù dal letto, ma so che l’emozione è tanta.

Un nuovo anno: la seconda elementare per Rebecca e l’ultimo anno di asilo per Alberto.

E direi un nuovo anno anche per me, alle prese con il piccolo Edoardo che stanotte ci ha graziati con una dormita dalle 11 fino alle 5.

Avrà sentito la tensione nell’aria?

Spero di riuscire a conciliare tutto e di dedicare ai miei cuccioli tutto il tempo necessario per affiancarli nelle loro avventure.

Buona ripresa a tutti!

Giornata NO

Sembra brutto.

Ho tutto.

Va tutto bene.

Ma mi sento spaesata.

Sembra che tutto mi sfugga di mano.

Non ho tempo per me… ma quello direi da sempre.

Quello che mi fa più male è non avere più tempo con i miei figli.

Mi dicono: “non conta la quantità ma la qualità”.

Ecco io mi rendo conto che di qualità non c’è nulla, anzi.

Sono sempre nervosa, stanca… vorrei fare mille cose ma sono ferma immobile.

Non è colpa del piccolo, ha bisogno di me ovviamente ora più che mai. Ma anche Rebecca e Alberto hanno bisogno della loro mamma…

E la mamma di prima sembra non esserci più.

Sono davvero demoralizzata.

Estate 2021

Questa estate è un po’ insolita.

È un’estate di attese, di lunghi momenti di relax e qualche passeggiata.

È un’estate fatta di bagni in piscina, di schizzi di acqua gelata, di battaglie con le pistole.

È un’estate ricca di gelati mangiati sotto il sole, seduti sugli asciugamani messi in maniera disordinata sull’erba.

È un’estate casalinga, molto diversa dalle solite ma pur sempre ricca.

Solitamente le nostre vacanze erano rigorosamente al mare: lunghi viaggi in auto stracolmi di bagagli, ombrelloni colorati a ripararci dal sole, mare come sfondo e grandi castelli di sabbia.

L’anno prossimo saremo in 5 e il caos sarà ancora più grande.

L’anno prossimo sarà un’estate ancora più piena, colorata e allegra.

E io, già, non vedo l’ora.

Riflessioni

É proprio vero che piu cerchi di organizzarti e più la vita ti cambia tutti i piani.

Ma si sa che una nascita non si può programmare, ma visti i precedenti pensavo di ritrovarmi ancora nella stessa situazione anche con questo terzo parto.

E invece, piccolo mio, ti stai facendo attendere… sei ancora nei tempi eh… però stai mettendo a dura prova la tua mamma!!!

La stanchezza si fa sentire.

Il nervosismo anche.

Speravo di godermi di più questo mese di agosto… con te tra le braccia, regalando ai tuoi fratelli l’estate che avrei voluto vivessero ricca di giochi, passeggiate, giri in bici.

Il tuo papà è a casa, ma lo sai che a breve dovrà riprendere con i suoi impegni lavorativi e questo mi butta giù parecchio. Forse quell’aiuto che tanto speravo, almeno all’ inizio, non potrò averlo.

Che dirti piccolo mio: lo so che tu non hai nessuna colpa e che dentro la tua mamma stai bene (e come darti torto, visto il caos fuori!)… ma ora, ti prego, deciditi ad uscire.

Non vedo l’ora di conoscerti, di scoprire finalmente il tuo visino… e, giuro, sono pronta anche alle notti in bianco.

O almeno credo!

Ti aspetto con ansia.

La tua mamma

La Borsa Del Parto

Attorno all’ ottavo mese, dal nulla, mi è salita l’ansia della valigia. Tutto nella mia testa mi diceva che non dovevo aspettare anche se non vi erano reali motivi. Nessun parto imminente, ma solo tanta voglia di essere pronta sotto ogni aspetto. Ed è stato così per tutte e tre le gravidanze… sono recidiva AH AH AH!!

Bene… la valigia c’è ma cosa dobbiamo mettere dentro?

PANICO E PAURA!

Ok, fate/facciamo un bel respiro e prima di tutto controllate il sito dell’ospedale scelto per il parto: ogni struttura ospedaliera richiede e/o consiglia determinate cose da mettere in valigia. Per farvi un esempio vi indico cosa il mio ospedale consiglia.

Il corredino per il neonato verrà utilizzato per la degenza al Nido che normalmente è di 2/3 giorni.

Per il periodo invernale:

  • body a mezza manica in cotone felpato
  • tutine e/o completini a manica e gamba lunga
  • calzini di lana
  • 2 cappellini in lana o cotone felpato

Per il periodo estivo:

  • body senza maniche o a maniche corte in cotone
  • tutine e/o completini sgambati e senza maniche
  • calzini in cotone
  • golfino in cotone a maniche corte
  • 2 cappellini in cotone

Per ogni giorno calcolate sempre almeno due cambi (in caso di pipì/cacchine o altro).

Mi raccomando dividete tutto in sacchettini e scrivete sopra il nome (o semplicemente il cognome se ancora non avete deciso) e il giorno del cambio.

I miei figli sono nati tutti in periodi caldi (fine maggio/metà luglio e il prossimo a metà agosto) e per esperienza personale ho sempre usato tutine a maniche lunghe e body a maniche corte tutto in cotone. Nelle stanze solitamente l’aria condizionata è forte e i neonati hanno freddo. Se dovessero avere caldo basta togliere la tutina e lasciarli col body e i calzini e al massimo la copertina.

Una volta tornati a casa, valuterete voi l’abbigliamento adatto al vostro piccolo.

Nell’ospedale che ho scelto per tutti e tre i parti, mettono a disposizione della mamma tutto il necessario per il cambio del pannolino e per la medicazione del moncone ombelicale. Ovviamente in stanza troverò anche i fantastici assorbenti post parto.

E a noi mamme, in valigia, cosa serve?! Vediamolo insieme:

  • camicia da notte per il parto (quella con bottoni avanti)
  • camicia da notte post parto
  • vestaglia
  • reggiseno per allattamento
  • ciabatte
  • asciugamani corpo, viso e parti intime
  • mutandine a rete post parto usa e getta
  • coppette assorbilatte
  • crema capezzoli
  • spazzolino e dentifricio
  • spazzola e nastri per capelli
  • deodorante
  • crema viso
  • olio per smagliature
  • fazzoletti e salviette umide
  • cartella clinica contenente tutte le analisi e i controlli fatti durante la gravidanza
  • libretto delle vaccinazioni
  • carica batterie

Mi sembra di aver elencato più o meno tutto. Nel caso scrivetemi le cose che voi aggiungereste… così anche io le metto in valigia!

Ormai manca sempre meno!!!