Torneremo a respirare

In un silenzio quasi surreale questa mattina sono uscita per il mio paese. Ho trovato molti negozi chiusi, altri aperti con orari ridotti e relative regole in entrata.

Non c’erano i soliti gruppi di signori e signore seduti sulle panchine sotto i raggi del sole a parlare del più e del meno. Non c’erano patatine e bicchieri vuoti sui tavoli dei bar; fuori dai ristoranti non erano elencate le prelibatezze del giorno.

Pochissime auto posteggiate qua e là e pochissime in giro o ferme ai semafori. Di persone ne ho incontrate poche, tutte rigorosamente da sole e un po’ impacciate quando ci si ritrovava non a “distanza di sicurezza”. Occhi bassi, pochi saluti a distanza e sorrisi nascosti dietro alle mascherine.

A volte sembra di vivere dentro un film, dove tutto finisce con i titoli di coda.

Invece la realtà é ben diversa. Bisogna stringere i denti, trattenere il respiro e andare fino in fondo.

Prima o poi finirà.

E torneremo a respirare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: