IL LIBRO SUL COMODINO

Il mese scorso ho letto il libro di Elena Santarelli “Una mamma lo sa”.

E’ il racconto personale di una mamma che si ritrova, come lo definisce lei stessa, davanti ad un’interrogazione a sorpresa; un’interrogazione che toglie il fiato, che ti fa tremare di paura.

Al figlio Giacomo viene diagnosticato un tumore raro e maligno, ed insieme a tutta la sua famiglia si ritrova in un mondo totalmente sconosciuto ad affronare un lungo percorso fatto di chemioterapia e radioterapia, ma che lo porterà alla piena guarigione. In modo molto semplice, quasi confidenziale, mamma Elena racconta le sue emozioni, gli incontri quotidiani con altri piccoli malati e le tante battaglie dentro e fuori l’ospedale.

Una mamma lo sa, ed è proprio vero: il legame con i nostri figli dura in eterno e ci basta un piccolo sguardo per capire se qualcosa non va.

I proventi ricavati dalla vendita del libro vengono devoluti al PROGETTO HEAL, un’associazione che sostiene la comunità scientifica operante nell’ambito della neuroncologia pediatrica dell’ ospedale “Bambin Gesù” di Roma.

Per tutte le informazioni visitate il sito http://www.progettoheal.com

Il Principe Della Risata

Il 15 aprile 1967 ci lasciava l’amatissimo Totó.

Conosco praticamente a memoria la maggior parte dei suoi film; fin da piccola sono stati i miei fedeli compagni di risate durante le innumerevoli riunioni di famiglia.

Una tradizione che vorrei tanto rivivere con i miei figli.

Una comicità semplice ma a dir poco esilarante, adatta a tutte le età.

E io lo voglio ricordare così, attraverso le sue parole.

Totò in una scena del film “Miseria e Nobiltà”. fonte Google

‘A Livella

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
Per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
Ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
Di questa triste e mesta ricorrenza,
Anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
Il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.St’anno m’é capitato ‘navventura…
Dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
Ma po’ facette un’anema e curaggio.’O fatto è chisto, statemi a sentire:
S’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
Io, tomo tomo, stavo per uscire
Buttando un occhio a qualche sepoltura.”Qui dorme in pace il nobile marchese
Signore di Rovigo e di Belluno
Ardimentoso eroe di mille imprese
Morto l’11 maggio del’31″‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
Tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
Cannele, cannelotte e sei lumine.Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
Nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
Abbandunata, senza manco un fiore;
Pe’ segno, sulamente ‘na crucella.E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
Guardannola, che ppena me faceva
Stu muorto senza manco nu lumino!Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
Chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
Ca pur all’atu munno era pezzente?Mentre fantasticavo stu penziero,
S’era ggià fatta quase mezanotte,
E i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
Muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
C’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
Chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
Tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.E chillo certamente è don Gennaro…
‘Omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
So’ muorte e se ritirano a chest’ora?Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
Quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
S’avota e tomo tomo.calmo calmo,
Dicette a don Gennaro:”Giovanotto!Da Voi vorrei saper, vile carogna,
Con quale ardire e come avete osato
Di farvi seppellir, per mia vergogna,
Accanto a me che sono blasonato!La casta è casta e va, si, rispettata,
Ma Voi perdeste il senso e la misura;
La Vostra salma andava, si, inumata;
Ma seppellita nella spazzatura!Ancora oltre sopportar non posso
La Vostra vicinanza puzzolente,
Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
Tra i vostri pari, tra la vostra gente””Signor Marchese, nun è colpa mia,
I’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
Mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
I’ che putevo fa’ si ero muorto?Si fosse vivo ve farrei cuntento,
Pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
E proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
Mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.”E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
Che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
Avrei già dato piglio alla violenza!””Famme vedé.-piglia sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘E te senti; e si perdo ‘a pacienza,
Mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
Ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.”Lurido porco!…Come ti permetti
Paragonarti a me ch’ebbi natali
Illustri, nobilissimi e perfetti,
Da fare invidia a Principi Reali?”.”Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
Che staje malato ancora è fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.’Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
Trasenno stu canciello ha fatt’o punto
C’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
Tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
Suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
Nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”

Il Telefono Del Vento

fonte Google

La Pina, durante il suo programma pomeridiano, ha raccontato di un giardino magico a Bell Gardia in Giappone. All’interno di questo maestoso giardino, si trova una cabina telefonica al cui interno si trova un telefono scollegato per parlare con i propri cari scomparsi.

fonte Google

Quasi 35mila turisti sono corsi a “telefonare” ai propri cari per raccontargli della loro vita, per chiedere scusa o per dirgli semplicemente il vuoto enorme che hanno lasciato sulla terra. Molti altri vi hanno fatto visita anche solo per ascoltare il silenzio e godersi la bellezza del verde circostante.

Appena sentita la notizia, avrei voluto prendere il primo aereo per il Giappone solo per tirare su quella cornetta; ma il destino vuole che, la notte tra il 30 e il 31 gennaio (proprio la notte prima del mio 34esimo compleanno) su Radio Deejay avevi la possibilità di inviare un messaggio ad un tuo caro che non c’è più.

Ci ho provato, un sacco di volte: ho fatto e rifatto mille volte il vocale, ma miseramente crollavo a piangere.

Ma nonna lo sa… il mio messaggio era tutto per lei e il mio cuore gliel’ha consegnato fin lassù.

La Nostra Pasqua

Questi giorni di festa sono particolarmente intimi, particolarmente atipici, ma un lato positivo per me c’è.

fonte Google

Mi sto godendo a pieno i miei figli e mio marito, sempre troppo impegnato nel suo lavoro. I piccoli non vedono l’ora di scendere in cucina a fare colazione per poter iniziare la giornata insieme al loro amato papà.

Non sprechiamo nemmeno un minuto della nostra giornata: tra giochi, disegni, esperimenti culinari e film arriviamo a sera più stanchi di prima e ma sicuramente più ricchi di ricordi e sorrisi.

la nostra lasagna verde di Pasqua
Torta di Mele

I nervosismi e i momenti NO non mancano (non siamo alieni), ma anche quelli fanno parte del gioco.

Come si dice: non tutti i mali vengono per nuocere. E noi che abbiamo la fortuna di stare bene, abbiamo il diritto e il dovere di godere a pieno di questo momento.

Buona Pasqua e Pasquetta a tutti ❤️

Senza ‘e te (Pino Daniele)

Je te penze accussi’
Per ore e ore
Je te voglie accussi
Te voglie ancora
E si chest nunn’e’ ammore
Ma nuje che campamme a ffa’
E se chiove o jesce o sole
Je te voglie penza’
Pecch senza ‘e te nun si’ nienteJe te sento accussi’, comme o sang int’e vene
Se chiudo l’uocchie si, te voglie assaje bene
E si chesto nunn’e’ ammore
Ma nuje che campamme a ffa’
E se chiove o jesce o sole
Je te voglie penza’
Pecche’ senza ‘e te nun si’ niente
Pecche’ senza ‘e te me siento
Nun se vede manco ‘a luna
Pecche’ senza ‘e te t’o giuro
Je nun credo cchiu’ a nisciuno
Je nun credo cchiu’ a nisciuno
A nisciuno a nisciuno
Pecche’ senza ‘e te nun si’ niente
E si chest nunn’e’ ammore
Ma nuje che campamme a ffa’
E se chiove o jesce o sole
Je te voglie penza’
Pecche’ senza ‘e te nun si’ niente
Pecche’ senza ‘e te me siento
Nun se vede manco ‘a luna
Pecche’ senza ‘e te t’o giuro
Je nun credo cchiu’ a nisciuno
Je nun credo cchiu’ a nisciuno
A nisciuno a nisciuno
Pecche’ senza ‘e te nun si’ niente
Pecche’ senza ‘e te nun si’ niente
Pecche’ senza ‘e te nun si’ niente